Cannabis, Salvini: “Piuttosto che sì a canne, via prostituzione da strade”

“Non passerà mai e non è nel contratto di governo“. Così il vice premier Matteo Salvini a margine dell’inaugurazione di una nuova sede dell’Ugl, a Milano, rispondendo a una domanda relativa alla proposta di legge sulla cannabis, dei Cinquestelle. “Se dobbiamo sconfiggere davvero la criminalità togliamo dalle strade la prostituzione a cielo aperto, come fanno in altri Paesi” aggiunge poi in diretta Facebook da Milano. “Pensiamo a questo piuttosto che pensare a legalizzare le canne”, sottolinea Salvini. “Qualche parlamentare di preoccupa di legalizzare le canne, non c’è nel contratto e non penso sia priorità di questo Paese”, aggiunge il ministro dell’Interno.

Uno stop mal digerito da Matteo Mantero, senatore M5S e firmatario del ddl sulla legalizzazione della cannabis. “Esiste il contratto di governo – dice all’AdnKronos Mantero – ma anche la Costituzione, che dà al Parlamento la centralità del potere legislativo”. “Su questi temi – insiste il senatore ligure – il Governo dovrebbe farsi da parte senza mettere in forse l’equilibrio della maggioranza e lasciare che il Parlamento faccia il suo percorso, con maggioranze anche trasversali. Magari con possibili contributi anche da parte della Lega, perché non credo che tutti i leghisti si oppongano al ddl in maniera pregiudiziale. Quelli che si informano non hanno una opinione in contrasto con la legalizzazione”. “Peraltro dal ministro dell’Interno mi aspetterei un po’ di attenzione, visto che la Direzione distrettuale antimafia da anni dice che il contrasto alle droghe leggere è inefficace e che la legalizzazione infliggerebbe un enorme colpo alla criminalità organizzata”, osserva ancora Mantero.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.

Facebook Comments
Redazione
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com